ASSEGNO AI NUCLEI FAMILIARI CON ALMENO TRE FIGLI MINORI – ANNO 2018

L'art. 65 della legge 23 dicembre 1998 n. 448 e s.m.i. ha introdotto la concessione, da parte dei Comuni e la relativa erogazione da parte dell'INPS, di un assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori. Tale prestazione è cumulabile con qualsiasi altro trattamento di famiglia.

Destinatari: 

Il richiedente, al momento di presentazione della domanda, deve possedere i seguenti requisiti:

• essere residente a San Giuliano Milanese con almeno 3 figli minori o adottivi o in affidamento preadottivo;

• essere:

– cittadino italiano o di uno Stato appartenente all'Unione Europea;

– cittadino di Paesi terzi titolare di permesso di soggiorno CE soggiornante di lungo periodo in corso di validità;

– cittadino familiare di cittadino italiano, dell'Unione Europea o di cittadino soggiornante di lungo periodo, non avente la cittadinanza di uno Stato Membro, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente (art. 13 legge n. 97 del 6 agosto 2013);

– cittadino straniero titolare di Permesso di Soggiorno con lo status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria o un suo familiare o superstite (art. 27 del D. Lgs. 19 novembre 2007 n. 251)

– cittadino di Paesi terzi ammesso in Italia a fini diversi dall'attività lavorativa a norma del diritto dell'UE o nazionale, al quale è consentito lavorare e che è in possesso di un permesso di soggiorno ai sensi del Regolamento CE n. 1030/2002 (art. 12 comma 1 della Direttiva 2011/98/UE)

– cittadino di Paesi terzi ammesso in Italia a fini lavorativi a norma del diritto dell'UE o nazionale (art.12 comma 1 della Direttiva 2011/98/UE)

• avere l'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) per prestazioni agevolate rivolte ai minori, calcolato ai sensi dell'art. 7 del DPCM 159/2013, non superiore ad euro 8.650,11 (Comunicato PCM della GU n. 46 del 2018).

Come fare: 

Presentazione della domanda

Per presentare la domanda di Assegno ai Nuclei Familiari anno 2018 occorre, preliminarmente, consegnare al Comune la copia della attestazione ISEE in corso di validità elaborata ai sensi del DPCM 159/2013, specificando sulla stessa il recapito telefonico al quale si desidera essere ricontattati e la prestazione che si intente richiedere.

A tal fine il richiedente deve chiamare, esclusivamente nei giorni di lunedì e di mercoledì dalle 11 alle 12, il numero di telefono 02 98207305 e l'operatore del Comune, fisserà la data e l'ora di consegna dell'Attestazione ISEE presso l'ufficio Sostegno al Reddito del Comune.

Successivamente l'ufficio Sostegno al Reddito, svolgerà i controlli per verificare la corretta elaborazione della DSU ed, a verifica espletata, provvederà ad informare i richiedenti sulle modalità di presentazione della domanda.

Il richiedente presenta la domanda utilizzando esclusivamente l'apposito modulo predisposto dal Comune e scaricabile nella sezione modulistica di questa scheda ovvero prelevabile presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune.

La domanda contenente gli elementi necessari alla verifica dei requisiti compilata, sottoscritta in ogni sua parte e con allegata copia dei documenti indicati nella “sezione 8” del modulo stesso, va presentata all'Ufficio Protocollo Generale del Comune, entro il termine perentorio del 31 gennaio dell'anno successivo a quello per il quale è richiesto l'assegno.

La domanda si presenta una sola volta durante l'anno.

Si osservi che la compilazione del MODULO REI (Reddito di Inclusione) nel QUADRO E “Informazioni aggiuntive per l'accesso ad altre misure” EQUIVALE ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE AL COMUNE.

Qualora dai controlli emerga la non veridicità del contenuto delle autocertificazioni, il beneficio sarà revocato e saranno applicate le sanzioni di cui all'art. 76 del DPR 445/2000.

DECORRENZA

Dal 1 gennaio dell'anno in cui si verificano i requisiti richiesti oppure dal 1° giorno del mese in cui matura il requisito relativo alla composizione del nucleo (almeno tre figli minori), se l'evento si è verificato nel corso dell'anno.

CESSAZIONE

Dal 1° gennaio dell'anno in cui viene a mancare il requisito economico del ISEE oppure dal 1° giorno del mese successivo a quello in cui viene a mancare il requisito relativo alla composizione del nucleo.

QUANTO

L'importo dell'assegno è annualmente rivalutato sulla base della variazione dell'indice ISTAT. Per l'anno 2018 l'importo, se spettante nella misura intera, è pari ad euro 142,85 mensili (per 13 mensilità euro 1857,05).

MODALITA' DEL PAGAMENTO

L'assegno è concesso dal Comune, ma è l'INPS che provvede al pagamento in un' unica soluzione, comprendente massimo tredici mensilità.

Alla chiusura del bando il Comune controlla la sussistenza dei requisiti soggettivi ed economici e, conclusi i medesimi con esito positivo sulla domanda, provvede a concedere o a negare l'assegno.

In caso di concessione i dati degli aventi diritto sono trasmessi all'INPS che provvederà al pagamento sul c/c bancario o postale intestato del richiedente.

Normative: 

- Articolo 65 Legge n. 448 del 23/12/1998;
- D.P.C.M. 21 dicembre 2000 n.452;
- Legge 97/2013;
- DPCM 159/2013;
- Direttiva 2011/98/UE e Sentenza della Corte di giustizia europea 21/06/2017.

Referenti Ufficio Sostegno al Reddito

- Luca Cavalieri d'Oro - tel. 02 98207355
luca.cavalieridoro@comune.sangiulianomilanese.mi.it

- Laura Spoldi – tel. 02 98207253
laura.spoldi@comune.sangiulianomilanese.mi.it

Responsabile: 

Sabrina Massazza -  tel. 02 98207273
sabrina.massazza@comune.sangiulianomilanese.mi.it