Genitori +

Finalità
Il progetto si propone di promuovere la paternità responsabile ed i congedi parentali con azioni mirate di comunicazione attraverso un linguaggio semplice ed accessibile, in modo da permettere la diffusione delle informazioni necessarie e rendere effettiva la possibilità di usufruire dei servizi e delle opportunità offerte dal servizio pubblico per una migliore conciliazione dei tempi familiari, di lavoro e dei tempi per sé. Il progetto, inoltre, mira a rafforzare la rete dei servizi socio-educativi- sanitari territoriali a favore delle famiglie nei primi mesi di vita dei bambini, attraverso lo sviluppo di sinergie virtuose di specifiche competenze sanitarie e socio-educative.

Linee d’azione del piano territoriale degli orari
Sostegno alla genitorialità

Criticità rilevata: prevalenza all'interno del territorio di un modello tradizionale di organizzazione familiare tendenzialmente asimmetrico con ripercussione sugli stili temporali di genere in particolare nelle famiglie in cui la donna lavora;  necessità di sviluppare modalità integrate e semplificate di accesso ai servizi per migliorarne la fruibilità temporale tenendo conto delle esigenze delle famiglie.

Proposta: predisporre una adeguata informazione rivolta a entrambi i genitori sulle opportunità offerte dalla normativa vigente in tema di conciliazione tra vita lavorativa e familiare attraverso la redazione di un apposito opuscolo informativo riguardante la Legge n. 53/200 individuando contestualmente una appropriata rete di distribuzione capillare orientata al target individuato finalizzata alla creazione di una adeguata “sensibilizzazione ambientale”. Nell'ottica dello sviluppo di rete si intende parallelamente promuovere l'ampliamento sul territorio del progetto – pilota distrettuale  “Sostegno alla natalità ed alla genitorialità sufficientemente buona e serena” orientato alla sperimentazione di una formula di sostegno alla genitorialità nei primi mesi di cura dei bambini, attraverso la costituzione di micro-equipe dedicate con competenze educative e sociali e la loro connessione con attività di ostetricia dei consultori familiari.

Beneficiari
Nuove famiglie e famiglie in via di formazione in particolare madri lavoratrici residenti