MANUTENZIONE CALDAIE

20 Marzo 2006

Destinatari: 

Il controllo deve essere effettuato dal responsabile dell'impianto, cioè l'intestatario del libretto.

Per gli impianti centralizzati condominiali dal proprietario, dall'occupante l'appartamento, dall'amministratore del condominio oppure da un terzo responsabile.

Come fare: 

La più recente normativa prevede che la frequenza con la quale il proprietario dell'impianto o l'amministratore del condominio deve provvedere alla manutenzione della caldaia sia indicata sul libretto di manutenzione. In mancanza di tali indicazioni, i controlli dovranno essere effettuati con le seguenti modalità:

1) ogni due anni, per gli impianti con potenza inferiore a 35 kW;

2) ogni anno, per gli impianti con potenza superiore o uguale a 35 kW. Per gli impianti termici con generatori di calore alimentati a combustibile liquido di potenza termica nominale al focolare complessiva maggiore o uguale a 116 KW, ovvero per impianti termici con generatori di calore di potenza termica al focolare complessiva maggiore o uguale a 350 KW è inoltre prescritta una seconda determinazione del solo rendimento di combustione da effettuare normalmente alla metà del periodo di riscaldamento.

Se l'impianto è nuovo, per i due anni successivi non è soggetto a verifica, nel caso in cui l'installatore abbia inserito al Catasto Unico Regionale Impianti Termici ( CURIT), entro 6 mesi dalla data d'installazione, i dati relativi:

- alla "scheda identificativa" dell'impianto;

- al rapporto di controllo tecnico compilato alla prima accensione.

Per essere valida la manutenzione deve essere affidata a un manutentore o a un'impresa in possesso dei requisiti tecnico- professionali stabiliti dalla Legge. Sul sito del CURIT,  è possibile trovare l'elenco dei manutentori abilitati.

1) Impianti con potenza inferiore a 35 kW

Il manutentore, dopo la verifica, compila un rapporto di controllo tecnico (l'Allegato G), che deve essere firmato per presa visione anche dal responsabile dell'impianto.

L'Allegato G per diventare a tutti gli effetti una Dichiarazione di Avvenuta Manutenzione (DAM)  deve essere corredato dall'Etichetta della Città Metropolitana di Milano.

Il responsabile dell'impianto deve acquistare tale Etichetta dal manutentore al costo di 5 euro.

In seguito sarà compito del manutentore inviare la Dichiarazione di Avvenuta Manutenzione (DAM) al Catasto Unico Regionale Impianti Termici ( C.U.R.I.T.).

2) impianti con potenza superiore o uguale a 35 kW

Il manutentore, una volta completate le operazioni di controllo e pulizia dell'impianto, compila un rapporto di controllo tecnico (l'allegato F).

Tale rapporto, oltre che dal manutentore, deve essere firmato per presa visione anche dal responsabile dell'impianto. Effettuata la manutenzione, ogni due anni (anche se il controllo viene fatto più frequentemente, il responsabile della caldaia dovrà effettuare in posta un versamento che dipende dalla potenza dell'impianto:

Potenza Contributo economico dell'impianto biennale

Da 35 KW a 50 KW: 12 euro

Da 50,1 KW a 116,3 KW: 30 euro

Da 116,4 KW a 350 KW: 70 euro

Oltre i 350 KW: 140 euro

Il rapporto di controllo tecnico, corredato dall'originale dell'attestazione di avvenuto pagamento del contributo economico, diventa a tutti gli effetti una DAM.

Tale dichiarazione dovrà essere trasmessa, a cura del responsabile dell'impianto o dal manutentore stesso al CURIT.

La Città Metropolitana di Milano prosegue l'attività di verifica e controllo della corretta manutenzione degli impianti nei Comuni con popolazione inferiore ai 40.000 abitanti, tra cui San Giuliano Milanese.

Il verificatore è un tecnico, munito di tesserino di identificazione, incaricato di controllare che le opere e gli impianti siano conformi alle norme vigenti per contenere i consumi e ridurre l'inquinamento.

Il controllo, per chi ha seguito correttamente le operazioni di manutenzione della caldaia è gratuito. Per gli altri, il costo del controllo è fissato nel tariffario qui sotto riportato:

TARIFFARIO PER LE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI TERMICI

Potenza termica degli impianti (KW) Tariffa

inferiore a 35 kW 62,00 euro

dai 35 ai 50 kW 83,00 euro

dai 51 ai 115 kW 119,00 euro

dai 116 ai 350 kW 160,00 euro

oltre 350 kW 199,00 euro

Se dalla verifica della Città Metropolitana dovesse risultare che l'impianto non sia a norma, sono previste sanzioni a partire da 500 Euro fino a 3.000 Euro.

 

Info:

CURIT – Infrastrutture lombarde: Tel 02.6673.7600 - www.curit.it;

Città Metropolitana di Milano – Servizio Efficienza Energetica - Viale Piceno, 60 – 20129 Milano Fax 02.7740.3777 
energia@cittametropolitana.mi.it   

Normative: 

- Decreto del Presidente della Repubblica n° 412 del 1993, art. 11;

- D.P.R. n° 551/1999;

- D.lgs n°192/2005;

- Legge n°46/90.

Responsabile: 

Esterna